SVIT SvizzeraNewsNews archivio
Si trova qui:

ORGANIZZAZIONI
ASSOCIATE

 

Cerca sulla carta

RICERCA MEMBRI

Dizionario del membroRicerca avanzata
 
07.12.2017

IOA autunno 2017: Costante eccesso di produzione nel mercato svizzero degli alloggi locativi

In Svizzera, il mercato degli alloggi locativi è in ulteriore distensione. La durata delle...

27.10.2017

Nessuna transazione in contanti nel commercio immobiliare professionale

Transparency International Svizzera ha pubblicato uno studio dedicato a presunte scappatoie per il...

 

SwissCaution: Il vostro partner per la garanzia di affitto senza deposito bancario

E’ semplice, pratica e veloce!
Ogni anno oltre 2’000 agenzie immobiliari e 40'000 nuovi locatari ci danno fiducia!
Per saperne di più

 

News

giovedì, 26. gennaio 17

SVIT raccomanda il «sí» alla Riforma III dell’imposizione delle imprese

La Riforma III dell’imposizione delle imprese (RI imprese III) riguarda tutti quanti: cittadini privati, prestatori d’opera, PMI e gruppi. Da un canto, le condizioni fiscali quadro vengono migliorate per tutte le imprese a spese dei privilegi fiscali sinora accordati a poche società holding e di domicilio, con importanti benefici per quanto concerne il mercato del lavoro svizzero e la sicurezza dei posti di lavoro, in quanto le aziende elvetiche potranno rimanere concorrenziali sul piano internazionale. D’altra parte, si assisterà al promovimento dell’innovazione e della ricerca, con il conseguente rafforzamento della piazza svizzera.

La prosperità delle aziende tocca anche direttamente i mercati immobiliari locali. Se imprese attive su scala globale si insediassero nel nostro paese e, nella concorrenza tra le sedi, le PMI optassero per quelle locali, la conseguenza sarebbe una richiesta di superfici attrattive per uffici e produzione e l’insediamento di collaboratori con le loro famiglie che, a loro volta, farebbero i loro acquisti sul posto. In tal modo, contribuirebbero a un sano sviluppo del mercato immobiliare svizzero e dell’intero settore immobiliare.

SVIT Svizzera fa perciò appello a tutti i membri dell’associazione, alle loro collaboratrici e ai loro collaboratori affinché il 12 febbraio prossimo depongano nell’urna il loro «sí».